menopausa rimedi della nonna

La menopausa è una fase delicata della vita di ogni donna. In questo periodo possono comparire diversi fastidi, come le vampate di calore, la secchezza intima, il gonfiore generale e gli sbalzi d’umore.

Tutti questi sintomi possono essere alleviati con rimedi naturali e casalinghi che aiutano a supportare il climaterio in modo sano e completamente naturale.

Come i rimedi della nonna possono aiutare in menopausa

Calmare le vampate di calore e gli altri sintomi della menopausa è un desiderio comune a tutte le donne che affrontano la fine dell’età fertile.

Chi preferisce non ricorrere a farmaci, integratori o terapie ormonali, può affrontare questa sfida con l’aiuto di rimedi completamente naturali

Alcune erbe e piante, così come vitamine e minerali, possono supportare il percorso della pre-menopausa e della menopausa, apportando al corpo preziose sostanze.

La loro forza è quella di regolare l’equilibrio ormonale, in particolare i livelli di estrogeni e progesterone, alleviando non solo le caldane, ma anche la secchezza vaginale, l’insonnia e la sudorazione notturna.

Perfino la gestione del peso può essere affrontata in modo naturale, attraverso un’alimentazione sana e l’assunzione di fitoestrogeni.

Trifoglio rosso e salvia: due erbe benefiche contro le vampate di calore e la sudorazione notturna

vampate di calore rimedi della nonna

Le donne in menopausa possono sfruttare la natura e utilizzare rimedi erboristici per calmare le vampate di calore.

Queste sono sensazioni di calore intenso e improvviso accompagnate da altri sintomi, come sudorazione e accelerazione del battito cardiaco.

Ma quali sono i rimedi della nonna più efficaci contro le caldane?

Il trifoglio rosso è un’erba medicinale utilizzata da secoli per trattare i sintomi della menopausa.

Ricco di isoflavoni, composti naturali che imitano l’azione degli estrogeni, aiuta a ridurre le caldane e a migliorare il benessere della donna in pre-menopausa e in menopausa.

Il trifoglio rosso può essere usato per preparare una tisana ricca di benefici. Versa uno o due cucchiaini di fiori di trifoglio rosso essiccato in una tazza e aggiungi 250 ml di acqua calda. Lascia in infusione circa 10 minuti prima di bere.

Sorseggiare questa tisana due volte al giorno ti aiuterà a gestire meglio i disagi della menopausa.

Un consiglio in più: bevila alla sera, prima di andare a dormire, per ridurre le vampate di calore notturne.

La salvia è un altro rimedio molto efficace contro i sintomi del climaterio. Siamo abituati a pensare a quest’erba come a un condimento; in realtà si tratta di una pianta ricca di benefici per il benessere di tutto l’organismo.

Il suo utilizzo in menopausa risale a tempi antichi. Le nostre antenate la impiegavano per preparare tè e bevande ricche di proprietà terapeutiche contro le vampate di calore e l’ansia.

La salvia, infatti, è ricca di triterpeni, sostanze che aiutano a bilanciare i livelli ormonali, in particolare quelli degli estrogeni, che durante la menopausa subiscono forti oscillazioni.

Inoltre, contiene acidi rosmarinici utili contro la sudorazione notturna.

Puoi preparare un tè alla salvia mettendo 2 cucchiaini di foglie essiccate in una tazza di acqua bollente e lasciandoli in infusione per 15 minuti.

La salvia può essere usata anche per preparare un bagno caldo distensivo:.

Ti basterà versare nella vasca 10 gocce di olio essenziale di salvia, e, alla fine della giornata, immergerti in quest’acqua benefica. Favorirà il rilassamento, preparandoti a un sonno riposante.

Secchezza intima in menopausa? Prova questi rimedi naturali

secchezza intima rimedi della nonna

La secchezza vaginale è un altro sintomo tipico della menopausa che può essere alleviato in modo del tutto naturale.

Gli estrogeni svolgono un ruolo cruciale nel mantenere la vagina lubrificata. Il calo di questi ormoni in menopausa è la principale causa della sensazione di asciuttezza intima, collegata a sintomi fastidiosi come bruciore, dolore e prurito.

Oltre a consumare alimenti e bevande ricchi di fitoestrogeni, come la soia e il trifoglio rosso, che aiutano a regolare gli ormoni e stimolare la produzione di muco, puoi alleviare questo disturbo con rimedi naturali da utilizzare localmente o da assumere per via orale:

  • Aloe Vera: il gel ricavato da questa pianta ha proprietà idratanti e lenitive che possono aiutare a calmare il dolore e il bruciore intimo. Applica una piccola quantità di gel nella zona delle labbra vaginali 1 o 2 volte al giorno.
  • Calendula: le sue proprietà anti-infiammatorie e cicatrizzanti riducono l’irritazione della mucosa vaginale, migliorando la secchezza intima. Massaggia per qualche istante una crema a base di calendula sulle piccole labbra e su tutta l’area interessata dall’infiammazione.
  • Probiotici: assumi regolarmente dei probiotici per migliorare la secchezza intima, come i lactobacillus crispatus, rhamnosus e gasseri, che aiutano a riequilibrare il PH vaginale e a prevenire le infezioni.
  • Hamamelis: le proprietà lenitive di questa pianta sono ideali per ridurre il dolore e il prurito intimo. Puoi utilizzarla per preparare un impacco anti-infiammatorio e idratante da applicare due volte al giorno.
  • Succo di mirtillo rosso: questo rimedio da assumere per via orale aiuta a prevenire le infezioni urinarie che possono presentarsi con maggior frequenza in caso di secchezza intima.

Inoltre, è importante bere molta acqua ed evitare l’uso di detergenti intimi aggressivi.

Anche indossare biancheria di cotone è un abitudine salutare per il benessere intimo: le mutande sintetiche, infatti, tendono a trattenere il sudore e l’umidità, peggiorando la secchezza della vagina.

Il carciofo per eliminare il gonfiore in menopausa

rimedio naturale contro gonfiore in menopausa

Con l’arrivo della menopausa, può capitare di sentirsi gonfie e pesanti. Il gonfiore può interessare sia la zona addominale che le gambe, che tendono ad aumentare di volume.

Colpa delle fluttuazioni dei livelli di estrogeni e progesterone, che alterano il processo digestivo e il drenaggio dei liquidi, causando stitichezza e ritenzione idrica.

Un alleato naturale per sbarazzarsi del gonfiore in menopausa è il carciofo, un ortaggio ricco di cinarina. Questa sostanza, oltre a conferirgli il suo tipico sapore amaro, facilita la scomposizione e l’assorbimento dei grassi, rendendo il processo digestivo più snello.

Inoltre, il carciofo è un’ottima fonte di fibre che stimolano il transito intestinale e contrastano la stitichezza.

Infine, questo ortaggio svolge un’azione diuretica che aiuta a ridurre la ritenzione idrica, la cellulite e il gonfiore.

Il carciofo può essere consumato in diversi modi: crudo in insalata, cotto oppure sotto forma di infuso.

Ecco la ricetta per preparare una tisana al carciofo che ti aiuterà a sgonfiarti:

Ingredienti: 2 carciofi, 1 litro d’acqua, mezzo limone, un rametto di rosmarino, 2 foglie d’alloro

Preparazione: metti i carciofi in una pentola d’acqua con il limone tagliato a fette, il rosmarino e l’alloro, fai bollire per 15 minuti e spegni il fuoco. Lascia in infusione 10 minuti, dolcifica a piacere e bevi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: I MIGLIORI DRENANTI IN MENOPAUSA

Combatti gli sbalzi d’umore e l’insonnia con la melissa

rimedi naturali contro l'insonnia in menopausa

La melissa svolge un’azione rilassante che contribuisce a contrastare l’insonnia e lo stress legati ai cambiamenti ormonali.

Questa pianta, infatti, contiene rosmarinolo, un acido fenolico con proprietà calmanti e sedative.

Inoltre, svolge un‘azione digestiva che aiuta a ridurre il gonfiore e a migliorare il benessere generale.

Per favorire il sonno e ridurre gli sbalzi d’umore, prepara una tisana con un cucchiaio di melissa e 250 ml di acqua bollente, lasciandola in infusione circa 10 minuti.

Sorseggiala prima di andare a dormire e goditi le sue proprietà rilassanti. Questo rimedio della nonna è utile anche per ridurre la sudorazione notturna e i frequenti risvegli.

Menopausa e aumento di peso: il ruolo chiave dell’alimentazione

L’alimentazione svolge un ruolo cruciale per mantenere alti i livelli di benessere durante la menopausa.

Il metabolismo, in questa fase della vita, rallenta, e si tende a ingrassare molto più facilmente.

Evita grassi idrogenati e zuccheri

Per mantenere la forma fisica, è fondamentale evitare cibi ricchi di grassi trans e zuccheri, che tendono a peggiorare il blocco metabolico e a provocare gonfiore.

Fai il pieno di vitamine

Prediligi pietanze che contengano grandi quantità di vitamine e minerali (frutta e ortaggi), oltre a proteine animali e vegetali, che hanno un effetto termogenico sul corpo.

Mangia alimenti ricchi di fitoestrogeni

Alcuni alimenti sono fonti preziose di fitoestrogeni, composti che imitano l’attività degli estrogeni, aiutando a ridurre gli sbalzi ormonali.

Tra questi, spiccano la soia, i fagioli, i ceci e i semi di lino. Anche le noci contengono fitoestrogeni, ma in quantità più ridotta.

Scegli cibi che contengono magnesio

Anche gli alimenti ricchi di magnesio, come la frutta secca, i cereali integrali e le verdure a foglia verde, possono aiutare a gestire in modo naturale i sintomi della menopausa.

Il magnesio, infatti, contrasta gli spasmi, la stanchezza e la perdita di densità ossea, tutti disturbi che possono interessare la donna dopo i 50 anni.

Fai attività fisica

In menopausa, la dieta sana deve essere accompagnata da un’attività fisica regolare. Se non ami particolarmente lo sport, puoi optare per la camminata veloce, meno impegnativa, da praticare 3/4 volte a settimana.

Il movimento ti aiuterà a controllare il peso corporeo e a ridurre molti sintomi tipici della menopausa, come la perdita di massa muscolare, l’insonnia, le vampate di calore e lo stress.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *