Olio di cocco: come usarlo per sbiancare i denti

Olio di cocco: come usarlo per sbiancare i denti

Tra i rimedi naturali per ottenere denti bianchi e splendenti, c’è l‘olio di cocco. Si tratta di un ingrediente che si ricava dai frutti della pianta di cocco, in particolare dai grossi semi al loro interno. In questo articolo scopriremo diversi modi di usare l’olio di cocco sui denti, sia per renderli più bianchi, che per eliminare la placca e profumare l’alito.

Come usare l’olio di cocco sui denti

Innanzitutto, bisogna acquistare un flacone di olio di cocco puro, biologico e spremuto a freddo. Solitamente, il prodotto a temperatura ambiente si presenta solido. Non è necessario, come accade in altre preparazioni, scioglierlo in un pentolino.

L’olio di cocco può essere usato sui denti allo stato solido: basterà prelevarne un cucchiaio, e stenderlo bene su dentatura e gengive. Per farlo, puoi aiutarti con lo spazzolino o con un cotton fiok. Il prodotto si scioglierà all’interno della bocca, disinfettando il cavo orale e sbiancando i denti.

Tieni l’olio di cocco sui denti per circa 15-20 minuti, senza mai sputare. Trascorso questo tempo, elimina il prodotto sciacquando bene la bocca. Al momento dell’acquisto, ricorda che scegliere un prodotto di qualità è importantissimo (scopri le migliori marche di olio di cocco su Amazon!) e ti permetterà di sbiancare i denti in tutta sicurezza.

Per una perfetta pulizia del cavo orale, ricorda di effettuare ogni 6 mesi la pulizia del dentista o di utilizzare due volte l’anno un apparecchio per la pulizia dentale a casa come Denta Pulse!

Dentifricio fai da te

Un modo alternativo di usare l’olio di cocco è realizzare un dentifricio fatto in casa.

Ti basteranno:

  • mezza tazza di olio di cocco
  • 2 cucchiai di bicarbonato
  • 10 gocce di olio essenziale di menta

Lascia ammorbidire per qualche istante l’olio di cocco, versalo in una ciotola con il bicarbonato e l’olio di menta. Mescola bene. La pasta dentale così ottenuta va conservata in un barattolo di vetro e utilizzata come qualsiasi dentifricio. Ne basta una puntina sullo spazzolino per ottenere un effetto sbiancante.

Curcuma e olio di cocco per sbiancare i denti

curcuma e olio di cocco

Un famoso rimedio naturale per denti più bianchi prevede che si mescolino insieme curcuma e olio di cocco.

Prepararlo è semplicissimo: ti basterà mescolare in una ciotola un cucchiaio di olio di cocco e uno di curcuma, fino ad ottenere una pasta cremosa. Adesso distribuisci il rimedio sui denti e attendi circa 5 minuti. Infine risciacqua. Utilizza l’olio di cocco e la curcuma sui denti due volte a settimana fino ad ottenere lo sbiancamento desiderato.

Oltre a rendere il sorriso più splendente, questo rimedio ha la capacità di uccidere i batteri presenti nel cavo orale, eliminando la placca e la patina giallastra. Non ci sono controindicazioni, se non per lo spazzolino, le cui setole potrebbero tingersi permanentemente di giallo. Ti consigliamo, quindi, di dedicare uno spazzolino apposito all’uso di olio di cocco e curcuma!

Sciacqui con olio di cocco: addio placca e alito cattivo

denti bianchi con olio di cocco

L’olio di cocco non serve soltanto a sbiancare i denti. Le sue proprietà antibatteriche ne fanno un ottimo alleato contro placca e alito cattivo. Uno dei modi migliori per combattere questi disturbi consiste nel fare degli sciacqui con olio di cocco.

L’olio di cocco bio è in grado di eliminare il batterio streptococcus mutans, responsabile di diversi disturbi orali, come l’alito cattivo e i denti ruvidi. Per effettuare gli sciacqui disinfettanti basterà mettere in bocca un cucchiaio di olio di cocco. Distribuiscilo bene sui denti, sulle gengive e in tutto il cavo orale. Attendi qualche minuto e risciacqua la bocca.

In alternativa, puoi preparare una pasta con olio di cocco e bicarbonato, come ti abbiamo mostrato all’inizio dell’articolo. Metti un po’ di pasta sullo spazzolino e stendila sui denti. Per combattere l’alito cattivo, non dimenticare di strofinare anche la lingua, specialmente la parte in fondo, dove si accumulano i batteri! Per saperne di più, scopri i migliori rimedi della nonna contro l’alito cattivo!

E’ preferibile fare gli sciacqui al mattino a digiuno, anche se l’olio di cocco può essere utilizzato in qualsiasi momento della giornata. Infine, risciacqua la bocca con dell’acqua tiepida, per eliminare i residui.

Olio di cocco per denti: quale scegliere

Visto che andrà a diretto contatto con il cavo orale, è fondamentale che il prodotto prescelto sia di ottima qualità. L’olio di cocco da usare sui denti deve presentare tre caratteristiche principali. Deve essere:

  • biologico
  • puro
  • spremuto a freddo

Vediamo un elenco delle migliori marche da usare sui denti.

Olio di cocco NaturaleBio

Si tratta di olio 100% puro e biologico, spremuto a freddo a basse temperature per conservarne le proprietà. Ideale per tutti gli usi, dalla cucina, alla cura del corpo, al trattamento sbiancante per i denti. Si scioglie a temperature superiori ai 23 gradi, e può essere spedito solido o liquido, a seconda della stagione.

Lo trovi su Amazon!

BioKokosol Olio di cocco

Un altro ottimo olio di cocco è Biokokosol, un olio biologico extra vergine spremuto a basse temperature. Anche in questo si tratta di olio di cocco 100% puro, privo di conservanti e aromi artificiali. Perfetto per tutti gli usi, compresa l’applicazione sui denti

Lo trovi su Amazon!

Olio Coconut Merchant

Il terzo prodotto che ti proponiamo non ha nulla di meno rispetto agli altri. E’ purissimo, biologico e ottenuto con spremitura a freddo per preservare i benefici dell’olio di cocco. Ideale per cuocere, curare la pelle, nutrire i capelli e sbiancare i denti.

Lo trovi su Amazon!

Redazione

DonnaTempo è una rivista online dedicata alla donna. I temi trattati rispecchiano il complesso universo femminile, dal benessere psicofisico ai segreti di bellezza, dalla maternità alla vita di coppia, dalla crescita culturale al divertimento e ai viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.